MENU
Her Story oorlandoo

13 luglio 2015 Comments (0) Views: 1593 Videogames

Her Story

Accendo un vecchio computer. Uno schermo a tubo catodico mi mostra un sistema operativo di fine secolo scorso, poche applicazioni, due file di testo e un database con 271 video: le risposte di una donna negli interrogatori di una indagine per omicidio di venti anni fa.

Her Story Oorlandoo

“Her Story” di Sam Barlow è un videogioco investigativo che mi dà pochissimi strumenti. Per capire la verità su ciò che è accaduto ho a disposizione solo questo database (in cui, tra l’altro, non ci sono i video, andati ormai perduti, con le domande degli investigatori) e il suo motore di ricerca. Con esso posso cercare ogni parola che voglio (o anche più parole insieme) all’interno delle registrazioni degli interrogatori ma, ulteriore limite, avrò sempre come risultato solo i primi cinque video, in ordine cronologico, in cui quella parola viene pronunciata.
Allora guardo un video, provo a cogliere una o due parole chiave e le cerco sperando di trovare nuovi video con dentro altri indizi, altri concetti, altre parole da cercare. E così via, spinto dalla curiosità e dai dubbi su una storia che si mostra sempre più intricata.
Non c’è una strada unica per ricomporre la vicenda, e ogni percorso verso la comprensione del caso (e anche del perché il mio personaggio ne sia interessato) è unico e personale, come diverse possono essere le conclusioni a cui ognuno giunge alla fine.

Her Story Oorlandoo

La frammentazione della realtà è uno dei miei temi preferiti, è la base dell’arte che amo di più, il fumetto, è il motivo per cui ho iniziato a scrivere per Oorlandoo parlando di “Dear Esther“, un’opera sulla difficile ricostruzione di ricordi contraddittori.
L’immersione in un database di video, tra l’altro recitati, come in “Her Story”, da attori (cosa inusuale ora nel videogioco, ma che venne sperimentata molto negli anni 90), mi ricorda però anche un altro lavoro: “Cloud Chamber”.

Cloud chamber her story oorlandoo

“Cloud Chamber” mi mette di fronte a un archivio disordinato pieno di video, foto, documenti e mail, spesso parzialmente corrotti, normalmente difficili anche solo da datare. Raccontano un esperimento scientifico, lo studio di un misterioso segnale proveniente dallo spazio, e come esso sconvolge la vita di Kathleen, una giovane scienziata che segue le orme materne, di Max, un musicista, e di Tom, un documentarista capitato un po’ per caso a filmare, giorno per giorno, gli eventi che li coinvolgono. In “Cloud Chamber” però l’ordine in cui vengono svelati i frammenti è predeterminato, e il videogioco implementa bacheche per discutere in rete con gli altri giocatori, concentrandosi sul bisogno di cooperazione per interpretare la storia e premiando con indizi aggiuntivi gli utenti più attivi e autori di osservazioni e commenti apprezzati.

Aisle sam barlow her story oorlandoo

Un’altra opera di Sam Barlow ha invece la stessa narrazione non solo frammentata, ma anche non lineare di “Her Story”. In “Aisle“, un racconto interattivo, mi trovo al supermercato, nel reparto della pasta. Digito una azione, una sola, ne vedo le conseguenze e poi il gioco ricomincia da capo; mi trovo di nuovo al supermercato, di nuovo nel reparto della pasta. Ogni scelta che faccio mi porta a finali diversi ma mi mostra anche, frammento per frammento, il passato del protagonista e mi dà indizi e idee per le azioni da provare nelle successive iterazioni. Come i video di “Her Story” danno spunti e idee per le successive ricerche.

In “Her Story” questa meccanica si combina con i temi del romanzo gotico di Walpole e Radcliffe, con… No, non posso dire molto di più su “Her Story”, perché ogni riferimento ai suoi rimandi, ai suoi molteplici livelli di lettura, vorrebbe dire rovinare almeno in parte la scoperta e intaccare il cuore di questa piccola, sorprendente, innovativa opera che dovreste gustarvi nella sua completezza.
Quindi, mi fermo qui: voi giocateci e magari poi ne riparliamo insieme.

Her Story Oorlandoo

“Her Story” di Sam Barlow è disponibile per PC e Mac su Steam (a 5,99 euri), GOG (a 5,49 euri) e sul suo sito ufficiale (a 5,99 dollari) e, per iPhone e iPad, sull’App Store della Apple (a 4,99 euri).

Cloud Chamber” di Investigate North è disponibile per PC su Steam a 14,99 euri o in un pacchetto con due copie a 24,99 euri. E giocarlo con un amico è forse il modo migliore per goderselo e per sbloccare velocemente le informazioni.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>