MENU

24 luglio 2013 Comments (0) Views: 13604 Costume

Rookie style by Tavi Gevinson

Sto cominciando ad accusare la stanchezza prima delle vacanze estive (Vacanze? Quali vacanze?). Me ne sono accorta perché non avevo voglia di scrivere gli ultimi articoli… poi ho scoperto lei, mi ha trasmesso un’energia buona e di nuovo è tornata la voglia di scrivere, di cercare.

Lei è Tavi Gevinson, la cosa sensazionale non è che sia una blogger, fotografa, musicista, attrice e caporedattore (il termine tecnico-anglofono sarebbe Editor-in-chief) ma che ha solo 17 anni e sembra che stia vivendo la sua quarta vita.

Il mag di cui è editor è Rookie e il suo blog si chiama That style Rookie blog: attualmente Tevi sta girando per gli USA a tenere conferenze sul successo social delle sue stylosissime creature.

Le collaboratrici di Rookie magazine sono adolescenti dall’esplosiva creatività, teen-artist che si fanno autoscatti fichissimi e sono inserite in reti social dalle “mila“ visualizzazioni. Mi domando: perché in  Italia non esisotono questi enfant prodige e l’unica opinion leader che si avvicini a queste caratteristiche è Clio make upla quale oltretutto ha superato abbondantemente l’adolescenza?

Non so, ho l’impressione che da noi dettino cultura i baroni, i guru la cui altezza culturale si valuta come un buon vino, in base all’invecchiamento. Invece questi teen-agers portano il seme della freschezza, dello sguardo che vede oltre, dove ancora non è stato inventato un nuovo Mondo, che chiamano qualcosa per la prima volta e nello stesso momento la inventano.

Tevi mi ricorda: Mia Farrow, i film di Wes Anderson, il nerd power, gli hipster, il vintage, l’hi-tech. E’ un piccolo genio che ha in sé tutti questi mondi e molti altri ancora, che magari voi potete cogliere e a me sfuggono.

Ha iniziato la sua attività in un blog di moda, Style Rookie, nel 2008. Nel portale si fotografa ad undici anni in abiti vintage e strambi e scrive il suo commento sulle ultime tendenze della moda, la cliccano 30.000 lettori ogni giorno. Suo padre non riusciva a cogliere il potenziale delle sue iniziative in rete e fino a quando non gli venne chiesto il permesso di concedere un’intervista alla figlia dal New York Times per un articolo sui giovani blogger.

Ha fatto viaggi all’estero legati alla moda a Tokyo e Anversa, finanziati dalla rivista Pop, è stata collaboratrice per Harper Bazaar e Barneys.com. Ha realizzato un servizio fotografico per la rivista BlackBook, ha agito come una musa e modello per la linea di abbigliamento di Rodarte nei negozi Target, collaborato con Borders & Frontiers per progettare e vendere la sua t-shirt.

Nello stesso anno, è stata descritta da Lady Gaga come “il futuro del giornalismo”.
Nel video del Ted, che possiamo vedere qui sopra, spiega che ha avuto difficoltà a trovare modelli femminili forti, per questo ha creato uno spazio in cui potessero ritrovarsi ragazze mostrando un nuovo volto del femminismo moderno, fieramente insicuro e altamente complesso.

Il Ted è un’importante organizzazione no profit dedicata all’Ideas Worth Spreading che ha iniziato la sua attività nel 1894 con cicli di conferenze che uniscono i mondi:  Technology, Entertainment, Design.

Mi fa impazzire questo estratto dalla mission del Rookiemag, che a mio avvso unisce tenerezza, verità, semplicità, determinazione, caparbietà e contemporaneità giornalistica:

“This resulting site is the result of hard work and dedication from a vital group of writers, editors, photographers,videographers, designers, programmers, and thinkers. It’s also an independent venture. Rookie features advertising that helps sustain its existence, and we’re happy to have it, but we’re beholden to no one. Staff and contributors have editorial freedom and own their own material“.

“Questo sito è il risultato di un duro lavoro e dedizione di un gruppo vitale di scrittori, editori, fotografi, operatori video, designer, programmatori e pensatori. E ‘anche una joint venture indipendente. Rookie offre pubblicità che aiuta a sostenere la sua esistenza, e siamo felici di averlo, ma non siamo in debito con nessuno. Personale e collaboratori hanno la libertà editoriale e possiedono il proprio materiale“.

Insomma, la ragazza sta sul pezzo, ci piace!

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>